FRAGOLE, SALUTE E RICETTE

STORIA

Le fragole che noi coltiviamo e mangiamo attualmente, arrivano dalla costituzione di un ibrido, un incrocio casuale tra due specie ottoploidi americane di Fragaria.  Fino a poco più di due secoli fa infatti, le fragole che si conoscevano, erano quelle di specie selvatica spontanee, fragoline di bosco che crescevano in molte aree del mondo. Queste non erano considerate un vero e proprio frutto, ma erano impiegate come ornamenti, per le bordure delle aiuole per valorizzare la fioritura. Pare che questo alimento però fosse apprezzato addirittura già dall’uomo preistorico, come dimostrano ritrovamenti in alcune zone montagnose dell’Europa centro-occidentale. Secondo studi la prima varietà di fragole a frutto grosso, sarebbe apparsa nell’Ottocento in Inghilterra, attraverso una serie di ibridazioni, che porteranno le piccole fragole europee ad ingrandirsi e a diventare simili a quelle che troviamo oggi sulle nostre tavole. In molti paesi  questa coltura, per come è diventata oggi, rappresenta un’importante fonte di reddito, con un ruolo significativo nel mondo dell’occupazione e nella società.

BENEFICI DELLE FRAGOLE

Le fragole attivano il metabolismo, proteggono i denti, contrastano cellulite, ipertensione e invecchiamento, contengono antiossidanti, vitamina c, regolano gli zuccheri, sono di aiuto per l’artrite reumatoide.

Con le fragole possiamo fare numerosissimi dolci.